Tracce colorate nella mappa dell'incontro

DOCUMENTI ALLEGATI
Questionario di verifica  Questionario di verifica  (73,00 Kb)

Arti espressive e buona relazione educativa

COMPLETO
 
Programma
Il Progetto nasce dall’esigenza di promuovere iniziative tese a far meglio riflettere sulle connessioni esistenti tra espressività individuale, apprendimento e sistema relazionale.
La reciproca conoscenza nasce da un clima di fiducia indispensabile per un rapporto collaborativo e costruttivo tra ragazzi, docenti e genitori, ciascuno con il proprio ruolo e la propria identità. Oggi la scuola di ogni ordine e grado deve avere come carattere costitutivo quello di "essere comunità" (D.P.R. n. 416/74), entrare a farne parte attiva per costruire una positiva immagine di sé è essenziale per la propria futura realizzazione.
È importante quindi, arrivare ad una “conoscibilità” maggiormente empatica fra persone che, il più delle volte, faticano soltanto a riconoscersi, divise da ruoli sempre più separati e scarsamente comunicanti. Questa proposta si rivolge, pertanto non solo a generici genitori e a generici operatori della scuola, ma soprattutto a “quei” genitori e a “quegli” operatori di “quella” scuola, privilegiando la ricaduta operativa della prassi educativa. ed è finalizzata a valorizzare il ruolo e l’incontro delle componenti attive nel processo di formazione e crescita.
Favorire questo incontro a scuola significa fornire l’opportunità di costruire una collaborazione tra scuola e famiglia per conseguire insieme obiettivi comuni.
In questo modo, infatti, la scuola contribuisce a supportare genitori, insegnanti ed educatori che, sperimentando nuove modalità comunicative, hanno l’opportunità di riflettere su esperienze/vissuti significativi. Per tale motivo il progetto si qualifica come occasione per realizzare reti di relazioni perché si possa diffondere tra le famiglie la cultura della prevenzione e perché la scuola possa avvalersi anche in futuro del loro consapevole contributo (C.M. 362/92).
 
Il laboratorio, che si traduce in un percorso di espressività visiva, sonora e di drammatizzazione, si propone di avvicinare genitori, insegnanti ed operatori all’utilizzo delle modalità delle arti terapie. Si tratta cioè di acquisire tecniche e pratiche in grado di potenziare le capacità e la sensibilità individuali. Si sottolinea inoltre la valenza interattiva dell’esperienza: il gruppo nel promuovere lo scambio e il confronto arricchisce la riflessione.
L’attività di laboratorio propone tecniche espressive modulari visive e corporee alle quali seguono momenti di verbalizzazione.
L’impostazione di base è quella del gioco relazionale tendente a favorire la consapevolezza individuale attraverso la strutturazione di un gruppo accogliente e recettivo con il quale facilmente riconoscersi.
Il contesto, quindi, è non giudicante e non valutativo. Inoltre, non sono richieste abilità specifiche di tipo artistico.

Lunedì 29 ottobre
Presentazione dell’attività; esercizi espressivi di consolidamento del gruppo, feed-back;traduzione grafico-pittorica; conclusioni

Mercoledì 31 ottobre
Atelier plastico-espressivo (creta e/o cera ), esercizi espressivi e feed –back

Lunedì 5 novembre
Esercizi di rilassamento con fantasia guidata e relative traduzioni bi/tridimensionali; esercizi di drammatizzazione, feed-back e conclusioni

Mercoledì 7 novembre
Laboratorio di collage espressivo e fotomontaggio, feed-back

Lunedì 12 novembre
Attività di atelier grafico-plastico-pittorico; feed-back

Mercoledì 14 novembre
Restituzioni conclusive, giochi di scambio , considerazioni teoriche e lettura di immagini

Destinatari: il corso è rivolto a insegnanti, insieme anche a operatori, genitori e studenti di una stessa scuola. Le scuole possono essere di ogni ordine e grado.
Conduttori: Carlo Coppelli (docente di scuola Secondaria di 2° grado, arteterapista) e un’operatrice di animazione teatrale (o in alternativa una psicoterapeuta con esperienza in tecniche di rilassamento o una musicoterapeuta).
Orario: dalle 19,30 alle 22,30
Durata: 6 incontri di 3 ore per un totale di 18 ore 
Sede: Istituto d'Arte Venturi via dei Servi, 21 Modena
Numero di adesioni: minimo 12, massimo 25
 
Informazioni sul corso
Carlo Coppelli tel. 059 645739
e-mail: carlocopp@libero.it

N.B.: L’attività di espressività visiva prevede l’utilizzo di materiale grafico-plastico-pittorico (es.: tempere, pennelli, carta, gessi colorati, ...) e fotografico che deve essere messo a disposizione dalle scuole aderenti previo accordo con il prof. Coppelli

 

 


Ultimo aggiornamento: 19/10/07


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0