Riprendiamo (dal)la Costituzione

DOCUMENTI ALLEGATI
Questionario di verifica  Questionario di verifica  (69,00 Kb)
in collaborazione con l'Istituto Storico di Modena
 
Programma
La giornata di formazione si propone di affrontare lo studio del testo costituzionale, delle vicende in cui maturò, dei modi in cui venne elaborato, delle nuove domande che le trasformazioni del presente gli pongono; crediamo infatti che la conoscenza accurata della sua storia, dei suoi principi costitutivi resti un requisito imprescindibile per chi voglia promuovere a scuola un’ educazione alla cittadinanza capace di ridare senso a un agire responsabile nella collettività.
Più evocata che studiata e compresa, la Costituzione - spesso relegata in chiusi ambiti disciplinari - rischia, soprattutto per i giovani, di non rappresentare più un riferimento vitale per la loro formazione di individui e cittadini, ma finisce per essere percepita come uno sterile insieme di norme e precetti, che poco ha da dire rispetto alle sfide che pone oggi il vivere in società: la legalità, l’emigrazione, la partecipazione, il lavoro, le diversità, le regole... Questioni e trasformazioni profonde per le quali il generico richiamo all’impegno civico può risultare retorico e inefficace.
Si è voluto quindi sottolineare la “storicità” della Costituzione, che non è data, ma elaborata in un preciso momento della storia italiana grazie al concorso di donne e uomini di diversi orientamenti culturali e politici, decisi a fondare un corso nuovo per il paese; ma anche la sua “progettualità”, la sua capacità di orientare le trasformazioni e rispondere alle nuove richieste.
I lavori della giornata vorrebbero offrire agli insegnanti l'opportunità di riflettere, a partire dai contenuti espressi nelle relazioni, sulle possibili declinazioni didattiche ed aggregare quanti sono interessati alla progettazione comune di percorsi nelle classi.
 
La sessione del mattino vuole sottoporre alla riflessione dei docenti alcuni nodi storiografici utili per interpretare e studiare la specificità della Costituzione italiana entrata in vigore nel 1948, partendo proprio dalla domanda che Giuseppe Dossetti, uno dei padri costituenti, si poneva sulle radici profonde della nostra Costituzione.
La Costituzione dunque come evento storico, per cogliere la portata del quale è fondamentale iscriverlo nella storia più ampia dello stato italiano attraverso l’analisi delle trasformazioni avvenute attorno al concetto di sovranità e di rappresentanza che permette di cogliere il carattere di cesura rappresentato dalla Costituzione.
L’ultima relazione della mattina amplia lo sguardo, inserendo i lavori della Assemblea costituente nel dibattito che si ebbe in Europa sulle diverse forme di costituzioni e a cui non furono estranei i lavori dell’Assemblea stessa.
La sessione del pomeriggio intende analizzare il rapporto tra la Costituzione e alcuni dei fenomeni che caratterizzano la società contemporanea: l’emigrazione e i problemi posti da una società multietnica, la cittadinanza femminile e i contributi portati dagli studi di genere al concetto di uguaglianza, la definizione del “cittadino” attraverso la dialettica dei diritti e dei doveri.
 
Mercoledì 5 dicembre 2007
9.00 -13.00  
Introduzione ai lavori della giornata e presentazione dei progetti relativi alla educazione alla cittadinanza
(a cura dell'Istituto Storico e di Memo)
Videointervista al presidente Oscar Luigi Scalfaro
 
Le radici politico-culturali della Costituzione e il pensiero costituzionale europeo
Gladio Gemma - Università di Modena e Reggio Emilio
 
Sovranità e rappresentanza: dall’Unità d’Italia alla Repubblica
Pier Paolo Portinaro - Università di Torino
 
14.30 – 17.00 
Cittadinanza democratica e legalità: il rapporto tra diritti e doveri 
Francesco Belvisi - Università di Modena e Reggio Emilia
 
Multiculturalismo, integrazione, cittadinanza
Gustavo Gozzi - Università di Bologna
 
L'uguaglianza dei diritti: cittadinanza e condizione femminile 
Fiorenza Tarozzi - Università di Bologna
 
Destinatari: insegnanti di scuola di ogni ordine e grado, operatori
Durata: una giornata per un totale di 8 ore
Sede: Sala conferenze “Giacomo Ulivi”, via Ciro Menotti 137 - Modena
Numero di adesioni: massimo 90

Informazioni sul corso
Marzia Luppi, tel. 059 242377 e-mail: didattica@istitutostorico.com


Ultimo aggiornamento: 12/11/07


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0