La produzione multimediale - dire, fare, comunicare

in collaborazione con il Centro Culturale “F. L. Ferrari” In-Formedia, Med - associazione italiana per l’educazione ai media e alla comunicazione
 
A partire dall’analisi della realtà che vede i media permeare la vita di tutti in particolare quella dei nostri bambini e ragazzi si fa urgente la necessità di fornire loro strumenti per comprendere e decodificare questi messaggi. L’educazione ai media viene proposta nelle scuole già a partire dagli anni settanta con esperienze sul cinema, sulla televisione, sul giornalismo ecc. alla luce del percorso fatto è stato possibile osservare due elementi di problematicità. Il primo è relativo ai contenuti insegnati che hanno privilegiato l’analisi semiologica, del testo a discapito dell’analisi del contesto ovvero dell’analisi di come i media vengono prodotti e distribuiti, delle tecnologie che impiegano degli aspetti economici, politici, sociali e organizzativi. Il secondo è relativo alla saltuarietà delle esperienze che il più delle volte sono sporadiche, hanno scarsa continuità e quindi scarsa efficacia. Il passo da compiere è, quindi, quello di passare da una programmazione per singoli laboratori alla progettazione di un curricolo di media education. A partire dalla riflessione su quali siano le competenze necessarie oggi per vivere nel mondo dei media, bisogna pensare alle attività educative necessarie per sviluppare tali competenze in maniera graduale, completa e organica. Durante il corso si forniranno le competenze necessarie a formulare un percorso di media education da attuare durante l’anno scolastico o, per gli educatori, durante l’anno di attività, integrato nel curriculum scolastico/educativo.
Il laboratorio vuole offrire la possibilità di osservare e analizzare quali sono le tappe necessarie palla creazione di un prodotto multimediale senza trascurare la possibilità di sperimentare da vicino il percorso di produzione di uno strumento di comunicazione multimediale, ovvero di una breve animazione ipermediale.
Partendo quindi dalla scelta del soggetto, proseguiremo con lo sviluppo dell'idea, la scelta dei contenuti e delle tipologie di media da coinvolgere, per arrivare alla stesura di uno storyboard con l'individuazione delle possibili aperture ipertestuali e, infine, alla realizzazione del prodotto, che pur nella sua semplicità possa racchiudere le potenzialità dell'interazione multimediale.

Programma
venerdì 24 ottobre 2008
Introduzione alla multimedialità.
Comprensione dei termini della questione. Per poter operare correttamente nel campo della multimedialità è fondamentale avere chiari alcuni concetti ed alcuni termini. In particolare, è necessario chiarire il significato e la logica legati ai termini multimediale e ipertestuale, spesso usati erroneamente come sinonimi. Si passerà poi ad analizzare come le due logiche legate a questi termini si possano combinare insieme.
Riconoscere la multimedialità.
Con l'osservazione e l'analisi di alcuni prodotti si proverà a riconoscere sul campo la particolarità di alcuni prodotti multimediali.
 
venerdì 31 ottobre 2008
Progettare per la multimedialità.
Confrontarsi con le logiche specifiche della progettazione multimediale. Indipendentemente dall'ambito in cui si opera, dalle dimensioni del progetto e dal budget disponibile, il percorso di produzione multimediale ha alcune caratteristiche specifiche da tenere presenti per ottenere un buon prodotto. Riconoscere le competenze già possedute, come possono essere utilizzate e riadattate al campo specifico. Imparare a utilizzare e costruire strumenti di lavoro. La fase di progettazione di un prodotto multimediale chiede di gestire una quantità enorme di informazioni.
È fondamentale dotarsi di una buona strumentazione (in particolare storyboard) per svolgere questa fase al meglio.
Gli strumenti della multimedialità.
Saper riconoscere quali programmi possono essere usati per piccole produzioni multimediali. Breve carrellata di alcuni prodotti utilizzabili per piccole produzioni in ambito educativo. Distinguere pregi e difetti nell'utilizzo dei diversi programmi. Non tutti i programmi sono uguali; per poter distinguere quello più adatto alla situazione è necessario avere alcuni parametri di riferimento (costo, funzionalità, difficoltà di uso, tempi di apprendimento, formati finali del prodotto...).
 
Destinatari: insegnanti delle scuole di tutti gli ordini e gradi, educatori e operatori dei centri educativi
Adesioni: sono previste un massimo di 15 persone
Relatore: Giulio Tosone - Università Cattolica di Milano
Durata: 2 incontri di 4 ore ciascuno, per un totale di 8 ore
Orario: dalle 14,30 alle 18,30
Sede: IAL - via Rainusso, 56/58 Aula 3 - Modena
 
Informazioni
Tiziana Venturi tel. 059 334537
e-mail: comunicazione@centroferrari.it

Ultimo aggiornamento: 05/11/08


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0