Gestire la didattica e produrre materiali per classi ad abilità differenziate plurilingue

con il contributo della

L’Unità stratificata e differenziata (USD) è un modello operativo rivolto alle classi multiculturali in particolare (cioè a forte eterogeneità di competenze) grazie al quale ci si propone di gestire contemporaneamente almeno 3 livelli di complessità di lavoro.
Le strategie adottate sono la stratificazione (creare attività di livello di difficoltà progressiva) e la differenziazione (cioè la costruzione di attività che si rivolgano a intelligenze e modalità sensoriali differenti).
Obiettivo del corso è fornire ai docenti delle indicazioni teorico-pratiche su come progettare e realizzare materiali stratificati e differenziati per gestire efficacemente l’eterogeneità, nella prospettiva di creare un modello condiviso e generativo per realizzare in futuro materiali di supporto allo studio condivisi in un progetto di rete di scuole.
Nel primo e nel secondo incontro verranno presentati i modelli operativi e i criteri teorico-pratici di riferimento. Nel terzo e quarto incontro, con modalità laboratoriali, si procederà alla costruzione di materiali didattici stratificati per livelli.

Destinatari: gli insegnanti di scuola primaria e secondaria di I° e II° grado che hanno partecipato alle precedenti edizioni del corso di base “Gestire le differenze nella classe plurilingue: modelli operativi e organizzativi”.
Relatori: Fabio Caon - Università Cà Foscari – Venezia, in compresenza per le attività di laboratorio con Barbara D’Annunzio o Marisa Pedrana, Università Cà Foscari - Venezia.
Periodo di svolgimento: febbraio/aprile
giovedì 11 febbraio 2010
martedì 2 marzo 2010
martedì 23 marzo 2010
martedì 13 aprile 2010

Durata: 4 incontri per un totale di 16 ore, al giovedì dalle 15 alle 19
Sede: Memo - Via J. Barozzi 172 ,Modena

Informazioni sul corso
Beatrice Iori - beatrice.iori@comune.modena.it



Ultimo aggiornamento: 02/03/10


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0