L'identita' sessuale a scuola

Percorsi di educazione socio-affettiva e di prevenzione del bullismo sulle tematiche dell’orientamento sessuale

CORSO ANNULLATO

matitaIntendiamo realizzare un percorso formativo rivolto ad insegnanti di scuola superiore interessati a promuovere interventi di riduzione del pregiudizio e di promozione del rispetto delle persone nelle loro diversità.
La finalità formativa generale del corso è quella di affinare le capacità e sensibilità degli insegnanti al fine di rendere la scuola un luogo dove le famiglie possono partecipare e gli alunni imparare, senza discriminazioni od esclusioni, in un ambiente scolastico collaborativo, inclusivo e sicuro per tutti e tutte. Più nello specifico, questi sono i nostri obiettivi:
► fornire informazioni sulle problematiche adolescenziali relativamente al riconoscimento dell’identità sessuale e l’impatto che questo può avere sulle relazioni con la famiglia e il contesto scolastico;
► migliorare le abilità e il know how degli insegnanti nella ‘prevenzione primaria’ (disincentivare casi di bullismo) e nella ‘prevenzione secondaria’ (nel caso l’evento di violenza sia già avvenuto) del bullismo a matrice omofobica;
► aumentare la consapevolezza sulle limitazioni che il pregiudizio anti-omosessuale pone su tutte le persone che afferiscono al sistema scolastico e sull’importanza della scuola come ‘luogo sicuro’, di accoglienza, confronto e rispetto delle diversità tra le persone;
► accrescere l’autoefficacia degli insegnanti, evidenziando ruoli e confini, e perfezionare le modalità di intervento educativo per promuovere modalità efficaci di gestione dei conflitti, life-skills e competenze psicosociali di cooperazione ed equità;
► offrire opportunità e sostenere la costruzione di una rete tra istituzione scolastica e territorio, per una maggior integrazione nell’intervento tra soggetti scolastici (gruppo classe, corpo docente, staff scolastico, dirigenza… ) e operatori sociali (volontari, formatori, istituzioni e servizi, colleghi… ), con particolare attenzione ai casi c.d. ‘multiproblematici’ (attraverso segnalazioni, erogazione di informazioni, difesa legale… ).

Così come plurimi sono i paradigmi teorici a fondamento del corso (psicologia sociale e della salute, sociologia dei gruppi e delle istituzioni, approccio dello sviluppo di comunità e pedagogia interculturale), molteplici saranno i know how appresi dai corsisti:

  • come definire un protocollo didattico volto a disincentivare e prevenire nel contesto scolastico gli atti di minaccia, denigrazione, ostilità motivati dal pregiudizio anti-omosessuale;
  • come favorire la creazione di occasioni in classe per parlare delle prepotenze, del loro significato, della manifestazioni dirette (danni alle proprietà, umiliazioni…) e indirette (esclusioni, isolamenti…);
  • come coinvolgere adulti e pari nel controllo degli episodi di violenza e monitorare i luoghi più a rischio di violenza (corridoi, spogliatoi… );
  • come intervenire in caso di gesti discriminatori verso minoranze;
  • come garantire la sicurezza e la privacy del soggetto che ha subìto violenza e che riporta l’incidente (ad esempio: trasferimento della persona offesa o della persona che offende in un nuovo posto di banco o in un nuova classe… );
  • come intervenire con lo studente che ha operato abusi verbali e fisici tramite un duplice approccio sia educativo che disciplinare.


Programma e calendario

mercoledi 16 ottobre 2013
L’adolescenza
Costruzione dell’identità e compiti evolutivi in adolescenza. Le teorie sull’identità e sull’orientamento sessuale. Le rappresentazioni dell’omosessualità nelle scienze della salute mentale
La relazione con i pari e la famiglia
Transizioni evolutive, relazioni con i pari e con la famiglia di origine nell’adolescente omosessuale. Le fasi del processo di coming out

mercoledì 23 ottobre 2013
Stereotipi, stigma, esclusione/integrazione sociale. La riduzione del pregiudizio: dall’ipotesi del contatto ai modelli socio-affettivi.
Il bullismo ed i progetti per la scuola
Proiezione video. Indicatori quantitativi e qualitativi del clima di sicurezza e accoglienza nella scuola. Il ruolo degli insegnanti. Discussione su casi di interventi nelle scuole. La costruzione di politiche di tutela dei diritti e di educazione alle diversità. Conclusioni del corso.

Destinatari: insegnanti di scuola secondaria di II grado
Relatrice: Margherita Graglia, psicologa, psicoterapeuta e didatta CIS (Centro Italiano di Sessuologia) e FISS (federazione Italiana di Sessuologia Scientifica)
Durata: 2 incontri di 4 ore ciascuno per un totale di 8 ore
Orario: dalle 14,30 alle 18,30
Sede: Memo, viale J. Barozzi 172, Modena
Numero di adesioni: massimo 20 partecipanti

 


Ultimo aggiornamento: 14/10/13


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0