Abilità sociali e relazionali

Memo
Fondazione Vita Indipendente
ANFASS Modena


Tutto lo sviluppo e la crescita dell’individuo può essere visto come un graduale passaggio dalla dipendenza verso l’autonomia che diviene completa quando l’individuo diviene adulto e cittadino a tutti gli effetti, soggetto e oggetto di diritti, capace di lavorare e di avere rapporti paritari con gli altri. Nella crescita verso l’autonomia, un individuo con disabilità incontra due tipi di ostacoli: da una parte le difficoltà legate al suo deficit, dall’altra gli atteggiamenti di paura e le ambivalenze dell’ambiente che interferiscono con il suo grado di autonomia potenziale, raggiungibile pur nella situazione di svantaggio. Spesso i genitori, talvolta gli stessi operatori e insegnanti o le persone che l’individuo con disabilità incontra sviluppano nei suoi confronti un atteggiamento assistenziale e protettivo che limita l’acquisizione di indipendenza. Sembra quasi che si voglia compensare con maggiore affetto ed atteggiamenti più permissivi il disagio per il deficit o che, a causa delle sue difficoltà, l’individuo venga complessivamente ritenuto incapace e quindi bisognoso di assistenza e di qualcuno che operi al posto suo in ogni occasione. Tra coloro che si occupano di disabilità si è fatta, però, strada in questi anni la sempre più radicata convinzione dell’importanza dell’educazione all’autonomia per lo sviluppo e per l’inserimento sociale. Il progetto mira pertanto, a creare degli spazi nei quali potenziare le aree di socializzazione, tramite esperienze di condivisione, fondamentali perché autonomia non significa fare tutto da soli, ma saper domandare e collaborare. Per riuscire in questo intento occorre promuovere e tutelare la dignità dei soggetti. La dignità non è una dimensione astratta, passa dalla quotidianità, fatta di vestiti, di pulizia, di atteggiamenti nelle situazioni pubbliche (A. Canevaro, 1992).
Il convegno ha come obiettivo quello di dare informazioni e nozioni pratiche sull’insegnamento e  sulla  promozione delle abilità sociali necessarie per accrescere l’autonomia e l’indipendenza di ragazzi e adulti con disabilità intellettiva all’interno del contesto scolastico e al termine di esso. Partendo dalla condivisione dell’importanza dell’autonomia sociale, si affronteranno le tematiche relative all’affettività e alla sessualità  in quanto strettamente collegate ad una vita sociale ricca e soddisfacente. Durante il seminario si alterneranno momenti di lezione frontale a momenti di discussione in gruppo. Verranno inoltre condotte delle simulazioni sia attraverso la visione di video sia attraverso momenti di role playing. Al termine della formazione è previsto un momento di verifica e confronto sugli apprendimenti delle tematiche trattate.

sabato 2 dicembre 2017
Centro Famiglia di Nazareth -  Sala Cavani, Strada Formigina 319 Modena


guarda il depliant

Programma
8.30-9.30
registrazione dei partecipanti e caffè di benvenuto.
9.30-10
saluti delle autorità
10-12.30
intervento della d.ssa Anna Contardi “abilità sociali per adolescenti e giovani adulti”

14-16
intervento della d.ssa Anna Contardi “educazione per un’affettività e sessualità  consapevole”
16-17
discussione e chiusura

Relatrice: Anna Contardi, Coordinatore Nazionale AIPD, Coordinatore delle Attività Istituzionali dell’Associazione Bambini Down, poi Associazione Italiana Persone Down Direttore del "Corso di Educazione all’Autonomia per adolescenti con Sindrome di Down Dal 2000 conduce annualmente un seminario nazionale di formazione sui temi dell’educazione all’autonomia a Roma. Direttore dal 1983 della rivista "Sindrome Down Notizie", periodico quadrimestrale a diffusione nazionale. Iscritta all’Ordine dei Giornalisti come Direttore di rivista tecnico-scientifica. Dal 1994 al 2002 è consulente scientifico di ASPHI (Associazione per lo Sviluppo dell’Informatica per gli Handicappati) e della coop. Anastasis per la produzione di software per l’insegnamento della matematica a bambini con difficoltà di apprendimento. Autrice dei numerosi libri e della collana Erickson “Laboratori per le autonomie”.

Destinatari
: educatori, insegnanti di scuola secondaria di 1° e di 2° grado

Durata:1 incontro per un totale di 7 ore

Numero di adesioni: massimo 70 partecipanti

Come iscriversi

Ultimo aggiornamento: 25/10/17


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0